Archivi tag: effe

dadadadadadadadada

effe #3

effe, Periodico di Altre Narratività | numero tre
pagine 128 | euro 10 | ISBN 978-88-909423-8-9 |
eBook euro 3,99  ISBN 978-88-909423-5-8 |

 

RACCONTI INEDITI DI:

Mari Accardi
Carolina Crespi
Francesca Romana D’Antuono
Margherita Ferrari
Maddalena Francavilla
Marzia Grillo
Costanza Masi
Alessandra Minervini
Giulia Orlando
Beatrice Serini
Carla Vasio

ILLUSTRAZIONI DI:

Eleonora Antonioni
Margherita Barrera
Darkam
Alessandra De Cristofaro
Mariachiara Di Giorgio
il Pistrice
littlepoints…
Missetendo
Amalia Mora
Sara Stefanini
Alina Vergnano

Fliq_effe_42Linee

[News] Fliq – Festival del Libro di Qualità, dal 7 all’11 marzo 2015

Al via la prima edizione del Fliq – Festival del Libro di Qualità: da sabato 7 a mercoledì 11 marzo 2015 presso la sede della Fuis – Federazione Unitaria Italiana Scrittori, in piazza Augusto Imperatore 4, a Roma (metro Spagna), si svolgeranno otto presentazioni a ingresso libero che vedranno la partecipazione di scrittori, giornalisti, editori e professori universitari che dibatteranno il grande tema della scoperta dell’inconscio e della parte più profonda dell’essere umano.
Continua a leggere

editoriale_effe#1

[effe] Utopie e processi degenerativi

Credo che Mappe del 3000, il più originale e visionario romanzo dello statunitense Harry Sibelius, sia uno degli esempi più lampanti della differenza che esiste tra utopia e distopia. Due termini erroneamente considerati l’uno l’opposto dell’altro, forse per un eccesso di semplificazione della realtà. Come invece ci dimostra con grande precisione Sibelius, la distopia esiste quando l’utopia cessa di essere pensiero e si fa sostanza strutturata; quando l’ordine morale e politico di alcuni si impone sul funzionamento compulsivo della società; quando il mucido presente negli interstizi del progresso cresce e si diffonde senza alcun sospetto, ma inesorabilmente.
Continua a leggere

editoriale_effe#0

[effe] Letture speculari e riflessi incondizionati

Quante volte vi sarà successo, anche se non siete lettori onnivori, di riconoscere tra le pagine di un libro dei rimandi ad altri libri e storie, magari insospettabili, tanto che vorreste chiamare l’autore al telefono per averne immediato riscontro? Quasi foste impegnati a giocare a Memory con lui, o meglio ancora, come se prendeste parte a un quiz televisivo, per il quale sono indispensabili memoria e capacità di associazione. E che soddisfazione poi quando, proseguendo nella lettura, trovate conferma a tutti i vostri ragionamenti, sentendovi un po’ filologi e un po’ detective? Continua a leggere